Gli avvenimenti del 2000

Gennaio

1 Il 2000 comincia con l’annuncio del ministro del Tesoro Giuliano Amato: “Mai il deficit italiano è stato così basso negli ultimi venti anni”; il risultato porta l’Italia a ridosso del 2% nel rapporto deficit/Pil previsto dal Trattato di Maastricht.

2 Entra in vigore, tra le proteste dei magistrati, il pacchetto di leggi che va sotto il nome di “giudice unico”, fortemente voluto dal ministro Oliviero Diliberto.
Prime critiche del mondo politico per l’organizzazione del Giubileo a seguito dei disagi per il ritorno a casa di turisti e pellegrini dopo le feste per l’ultimo dell’anno e l’inizio dell’Anno Santo.

5 Terzo giorno consecutivo di perdita delle borse europee a causa delle presunte voci di rialzo dei tassi negli Stati Uniti.
Il governo decide di fissare la data per le elezioni regionali: sarà il 16 maggio. Il presidente del Senato Nicola Mancino auspica che si metta mano ad una legge che possa equiparare i tempi di esposizione su video dei diversi partiti: è la par condicio.
Dopo il pacchetto di leggi sul “giudice unico” entra in vigore, senza particolari proteste dei magistrati, anche il decreto sul “giusto processo”.

7 Il presidente del Consiglio, Massimo D’Alema, attacca i referendum “sociali” proposti dai radicali perché “configurano il rischio di una lacerazione del patto sociale”.
Il segretario della Cisl, Sergio D’Antoni, si dice deluso dal premier per la sua opera di governo, constatando che “il D’Alema-bis è politicamente debole”.

8 Tutte le parti in causa per ciò che riguarda i quesiti referendari rilasciano interviste in cui si schierano a favore o contro, in particolare per i quesiti “sociali”: Confindustria e i promotori radicali a favore, i sindacati e gran parte del centro-sinistra contro.
Arturo Parisi, leader dei Democratici, minaccia di sanzioni Antonio Di Pietro, in costante polemica con il vertice del partito.

11 A due giorni dall’inizio del congresso dei Ds al Lingotto di Torino, Parisi propone a Veltroni di sciogliere i rispettivi partiti “in un percorso di unità”.
Il leader del Polo, Silvio Berlusconi, protesta vibratamente contro il faticoso accordo che il centro-sinistra sta raggiungendo tra le sue eterogenee componenti per varare la legge sulla par condicio, definendola “liberticida”.
Incontro del ministro dell’Industria, Enrico Letta, coi petrolieri per cercare di arginare i rincari della benzina dovuti all’aumento del prezzo del petrolio.

13 Nel suo discorso al congresso dei Ds, Veltroni boccia la proposta di Parisi, indicando che la strada per il centro-sinistra risiede più in una “federazione di partiti” che non in un partito unico.

14 Primi interventi critici al congresso dei Ds: Sergio Cofferati, segretario della Cgil, molto applaudito, chiede al governo di centro-sinistra di schierarsi apertamente contro i referendum “sociali”; il sindaco di Napoli, Antonio Bassolino, abbandona il congresso; l’ex segretario Achille Occhetto chiede a D’Alema di farsi da parte. Il Polo critica i toni definiti “eccessivamente accesi” usati contro Berlusconi.

15 Il discorso di D’Alema infiamma gli animi del congresso: ottimismo sull’operato del governo e certezze di vittoria alle elezioni regionali; Veltroni è confermato segretario del partito con quasi l’80% dei voti dei delegati.

19 Muore ad Hammamet, in Tunisia, l’ex leader del Psi, Bettino Craxi, Dure critiche della figlia Stefania al governo; Berlusconi annuncia il suo grande cordoglio; D’Alema proclama i funerali di Stato.

20 Quattro arresti tra i responsabili della missione umanitaria “Arcobaleno” organizzata dal governo per portare aiuti in Albania; il Polo chiede le dimissioni di Franco Barberi, sottosegretario agli Interni con delega alla Protezione civile.

21 Dure contestazioni a Tunisi per il ministro degli Esteri, Lamberto Dini, e per il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Marco Minniti, mentre assistono ai funerali di Craxi.

22 Condanna confermata dalla Corte d’appello di Venezia per Adriano Sofri, Giorgio Pietrostefani e Ovidio Bompressi per l’omicidio del commissario Luigi Calabresi; gli avvocati di Sofri annunciano un nuovo ricorso in Cassazione, mentre Pietrostefani e Bompressi si rendono irreperibili.
In Parlamento si valuta, tra le polemiche, di varare una commissione d’inchiesta su Tangentopoli.

25 Vivace assemblea parlamentare alla Camera sulla par condicio; al di fuori dell’aula, Forza Italia manifesta con un corteo la sua contrarietà.

26 Berlusconi, nonostante la disapprovazione del segretario di Alleanza nazionale Gianfranco Fini, cerca di stringere un accordo con Francesco Cossiga, leader del movimento “Trifoglio” che raccoglie alcuni parlamentari dell’area di centro, e con Umberto Bossi, leader della Lega, in vista delle elezioni regionali.
L’inflazione cresce più del previsto: 2,2%.

Febbraio

1 Entra nel vivo la polemica contro il leader liberalnazionale austriaco Haider: D’Alema paragona il suo partito alla Lega, Bossi si dice vicino “all’amico austriaco”, Berlusconi afferma di temere la xenofobia, ma accusa la sinistra di mistificazioni.
Enzo Bianco, in una conferenza stampa, si dice soddisfatto per aver fatto emanare una direttiva che prevede lo stop delle partite di calcio in caso di episodi, striscioni o cori razzisti.
Paolo Pillitteri, ex sindaco di Milano e cognato di Craxi, viene assolto dall’accusa di corruzione per la vicenda del Piccolo Teatro.

3 La Corte costituzionale boccia 14 dei 21 quesiti referendari proposti in gran parte dai radicali.
La Camera vara la legge sulla par condicio tra le vibranti proteste del Polo.
La compagnia aerea olandese Klm minaccia di far saltare l’accordo con Alitalia per la scarsa chiarezza “sullo sviliuppo di Malpensa”.

4 D’Alema chiede all’opposizione di dialogare per arrivare ad un accordo sulla legge elettorale, in maniera da evitare uno dei sette referendum: quello sull’abolizione della quota proporzionale.
Bassolino si dimette da sindaco di Napoli e annuncia che si candiderà per la presidenza della regione Campania; evidente il disappunto del segretario dei popolari, Pierluigi Castagnetti, che denuncia la mancata consultazione per giungere alla decisione sul candidato.

6 Successo della prima domenica senza auto in città voluta fortemente dal ministro dell’Ambiente Edo Ronchi.
Solleva scalpore e indignazione nell’opinione pubblica il caso di un detenuto che, uscito dal carcere grazie ad un permesso, ha commesso un omicidio nel pieno centro di Milano; il governo promette contromisure e maggiore severità nelle scarcerazioni e nei permessi.

9 Appello del presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, per la stabilità dei governi, da raggiungere o attraverso riforme varate dal Parlamento o attraverso i referendum.
Il centro-sinistra trova difficoltà nella scelta dei candidati a presidente delle regioni.
Il Polo fa ostruzionismo al Senato contro la par condicio, mentre Berlusconi dichiara “illeggittimo” il voto che dovesse uscire dalle urne con le regole volute dalla maggioranza.
Il leader di Forza Italia festeggia anche la terza assoluzione in appello, dopo i processi per la villa di Macherio e per la società All Iberian, dalle accuse di sospetto falso in bilancio per l’acquisto della società Medusa.

10 Fusione tra i colossi Seat e Tin.it di Telecom. La borsa accoglie molto positivamente la notizia e continua la sua crescita, quasi ininterrotta da inizio anno, in particolare per i titoli della new economy.
Bianco propone il braccialetto elettronico per i detenuti in libertà vigilata, scatenando le critiche di parte della maggioranza.

11 Il ministro dell’Istruzione, Luigi Berlinguer, è costretto a sospendere il contestato concorso “a quiz” che avrebbe dovuto stabilire una graduatoria di merito per i nuovi aumenti salariali destinati agli insegnanti.

13 Fine settimana particolarmente drammatico sulle strade: sono 30 i morti in incidenti automobilistici.

14 Per la prima volta la benzina verde è sopra le 2.000 lire.

16 Dopo circa un mese di ripetute polemiche tra il ministro del Lavoro Cesare Salvi, la Confindustria e i sindacati sulle ipotesi di destinazione del “tfr” (trattamento di fine rapporto), i malumori scoppiano anche all’interno della maggioranza tra D’Alema e gran parte dei suoi alleati di centro.
Berlusconi annuncia la nascita della Casa delle libertà, schieramento che comprende anche Lega, Trifoglio e Cdu di Rocco Buttiglione; avviati inoltre i tentativi per aggregare i radicali.

20 Dichiarazione di Amato che afferma che le riforme si possono fare anche senza l’accordo con i sindacati; risposte piccate dei diretti interessati, così come di molti esponenti della maggioranza.

22 Durante il festival della canzone italiana di San Remo, il cantante Jovanotti chiede in diretta a D’Alema di annullare il debito dei paesi in via di sviluppo più poveri; contestazioni da parte del Polo che definisce l’accaduto “uno spot per il presidente del Consiglio”.
La Polizia denuncia le presunte pressioni dei carabinieri sul Parlamento in merito all’imminente riforma dell’Arma.

27 Dopo settimane di intense trattative, salta l’accordo tra radicali e Casa delle libertà.

28 Nuovo record della Borsa di Milano, determinato dai titoli legati alla new economy.

Gerardo Bianco, ex segretario dei Popolari, viene candidato alla presidenza della Campania dal Ppi in aperta polemica con l’autocandidatura di Bassolino.

Marzo

2 Approvata in via definitiva la legge sulla parità scolastica; proteste del Polo assieme ai vescovi, da una parte (“una legge incompiuta e ambigua”), e di Rifondazione assieme ai Cobas della scuola, dall’altra.

3 Varato un decreto governativo che inasprisce le pene sui reati di evasione fiscale grave e consente indagini più approfondite.

4 Una direttiva del ministro Bianco restituisce ai corpi speciali delle forze dell’ordine (Sco, Ros e Gico) gran parte delle prerogative che erano state loro sottratte dal precedente ministro Giorgio Napolitano.

7 Bompressi, dopo più di venti giorni di latitanza, si costituisce e torna in carcere; si dice che Pietrostefani potrebbe invece già essere fuggito in Francia, stato che considera i suoi reati già prescritti e che non lo estraderà.
Dopo l’affermazione del governo sull’effetto negativo per l’inflazione degli aumenti delle tariffe assicurative, il presidente di categoria Alfonso Desiata rispedisce al mittente le accuse.

8 Antonio D’Amato, industriale “del Sud e delle piccole imprese”, viene eletto a sorpresa presidente di Confindustria invece di Carlo Callieri, sostenuto dai grandi gruppi industriali; la sua prima dichiarazione inneggia ad una rinnovata “combattività” della categoria.

12 Firmato l’accordo tra la Fiat e l’americana General Motors; Giovanni Agnelli afferma di aver preferito le offerte degli americani a quelle dei tedeschi della Daimler-Crysler, perché i primi avrebbero consentito alla sua famiglia di mantenere il controllo sull’azienda; reazioni positive da parte di tutti gli ambienti politici, industriali e sindacali.

13 Si conclude una settimana di malumori tra i medici costretti a scegliere tra l’attività nel privato o nel pubblico, scelta imposta dalla riforma del ministro della Sanità, Rosy Bindi; una volta scaduto il termine, si scopre che quasi l’80% dei medici ha deciso di continuare ad esercitare nel servizio pubblico; la Bindi si dice pronta a “piegare la fronda dei baroni”.

14 Berlusconi afferma ormai apertamente la sua preferenza per il sistema proporzionale. Indeciso il Polo se allearsi con il partito neo-fascista di Pino Rauti (Ms-Ft) in alcune regioni.

16 Il Parlamento europeo decide che il rientro dei Savoia in Italia è un problema che deve risolvere il Parlamento italiano; sdegno del principe Vittorio Emanuele che definisce l’Italia “una repubblichetta”.
Mentre il Senato vota la commissione d’inchiesta su Tangentopoli, a Milano viene inquisito per corruzione il presidente del consiglio comunale, Massimo De Carolis, di Forza Italia.

17 Dopo molti annunci, varato dal governo il piano “anti-inflazione”: bloccate le tariffe delle assicurazioni per auto, dell’acqua e del gas e diminuite ulteriormente le tasse governative sui carburanti; protestano soprattutto le compagnie di assicurazione.
Lettera congiunta di D’Alema e del premier inglese Tony Blair ai governi europei in vista del prossimo Consiglio europeo di Lisbona: è necessario riformare complessivamente il mercato del lavoro e non affidarsi a dubbie misure come la riduzione dell’orario.
Accordo tra il Polo e il Movimento sociale-Fiamma tricolore di Rauti in alcune regioni del Sud: Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria.
Mancino liquida le affermazioni di Vittorio Emanuele di Savoia come frutto di incultura.

20 I sindacati chiedono spiegazioni sulla lettera congiunta D’Alema-Blair e giudicano le ricette troppo liberiste; il governo smentisce in ritardo la paternità del documento.

21 L’inflazione di marzo è al 2,5%, ma il Pil è in forte crescita (rispetto agli standard degli anni precedenti): 2,1%.
Critiche da maggioranza e opposizione al presidente del Consiglio per una telefonata col colonnello Antonio Pappalardo, presidente del Cocer dei carabinieri, nella quale quest’ultimo avrebbe richiesto un trattamento di favore per la “Benemerita” in vista di una prossima riorganizzazione dei corpi di sicurezza.

24 La disoccupazione si è ridotta di 1,1 punto percentuale in un anno, soprattutto grazie ai contratti a termine e part-time.

26 Inserzione pubblicitaria sui quotidiani nazionali di uno dei sette sindacati di Polizia, che denuncia la gravità della situazione che si verrebbe a creare con l’approvazione della legge sull’istituzione dei carabinieri come quarta arma dell’esercito italiano; secondo l’inserzione, ciò verrebbe a configurare una situazione di instabilità democratica; evidenti i riferimenti alla “vicenda Pappalardo”.

30 Nello stesso giorno in cui i Carabinieri diventano la quarta forza armata del paese, viene ritrovato un dossier prodotto dal presidente del Cocer Pappalardo: si parla della necessità di creare un nuovo ordine democratico e di rifondare i partiti attuali, lontani dalle esigenze dei cittadini; reazioni indignate soprattutto all’interno dell’Arma.

31 Pappalardo si dimette dalla presidenza del Cocer dopo alcuni giorni di violentissime polemiche.
Berlusconi salpa con la nave “Azzurra” da Genova per il tour elettorale.

Aprile

2 In un inseguimento automobilistico di alcuni contrabbandieri, un finanziere muore e un altro rimane gravemente ferito dopo che la loro auto è stata speronata da quella dei malviventi; ondata di sdegno e commozione nel paese;
Il Polo attacca Bianco, accusato di rallentare il “pacchetto sicurezza”.

4 Muore Tommaso Buscetta, pentito “storico” di Cosa Nostra e della Mafia.
Gli alleati di centro della maggioranza discutono in un convegno sulla possibilità di verificare l’adeguatezza della leadership della coalizione, anche in vista delle elezioni del 2001, “per dare più rilievo al centro del centro-sinistra”; si parla di primarie e D’Alema fa sapere di essere pronto a correrle una volta passate le elezioni regionali.

9 In un’intervista ad un quotidiano nazionale, D’Alema lancia un chiaro invito ai radicali ad allearsi contro il Polo per le regionali; reazioni di dissenso soprattutto da parte del segretario del Ppi, Castagnetti.

11 Muore Flaminio Piccoli, leader storico della Dc.
Continua la discesa delle borse europee, tra cui quella di Milano, a causa dei timori generati negli operatori dalla sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che, dopo la condanna per monopolio, prevede la divisione di Microsoft in più settori operativi.

13 La ‘ndrangheta calabrese uccide con un’autobomba l’imprenditore Domenico Gullaci che si era opposto al pagamento del “pizzo”.

16 Alle elezioni regionali, la maggioranza di centro-sinistra è sconfitta in 9 regioni su 15; entusiasmo del Polo che chiede elezioni anticipate per bocca di tutti i suoi leader; la maggioranza minimizza la portata del voto in termini di ripercussioni sulla vita del governo e confida di arrivare alla fine della legislatura.
Preoccupazione nel mondo economico milanese per il ricovero del novantaduenne presidente onorario di Mediobanca, Enrico Cuccia.

17 A seguito dei risultati elettorali, D’Alema si dimette da presidente del Consiglio “per un atto di sensibilità politica e non certo per dovere istituzionale”; il Polo continua a chiedere elezioni anticipate. Diversi organi d’informazione indicano già Amato come successore di D’Alema.

18 Entra in vigore una nuova legge sugli scioperi nel servizio pubblico, che rende più rigida la disciplina di tali manifestazioni, soprattutto in vista dei grandi esodi di Pasqua.

19 La Commissione europea minaccia di attivare una procedura d’infrazione sul trasferimento dei voli da Linate a Malpensa, ma il governo procede; malumori tra Klm e Alitalia.

20 Amato riceve l’incarico di formare il nuovo governo dal presidente Ciampi. Accuse da parte della maggioranza all’opposizione che starebbe tentando di “comprare” (con soldi e promesse di collegi sicuri) il voto di alcuni deputati dei partiti di centro del centro-sinistra; Clemente Mastella fa firmare a deputati e senatori del suo partito Udeur una “carta della fedeltà”.

21 Antonio Di Pietro sfida la leadership del suo partito, i Democratici, sostenendo che Amato, vicino a Craxi negli anni più bui della corruzione dilagante, rappresenta “la vecchia politica” e che lui non gli voterà la fiducia.

24 Tensioni tra Amato e i Democratici sulla lista dei ministri, in cui sarebbero inseriti pochi loro rappresentanti.

25 Presentata la lista dei ministri; c’è un dicastero in meno e spiccano i nomi di due ministri “tecnici”: Umberto Veronesi alla Sanità e Tullio De Mauro all’Istruzione; Ronchi rifiuta il ministero dei Lavori pubblici, perché vorrebbe rimanere all’Ambiente; escono i contestati riformatori di istruzione e sanità Berlinguer e Bindi.

26 Il Polo grida allo scandalo per “l’indecorosa corsa alle poltrone” di cui si sarebbe macchiata la maggioranza e considera “illegittimo” il governo Amato. Di Pietro annuncia che si separerà dai Democratici.
Dopo quasi un mese di ribassi, il prezzo della benzina ricomincia a salire e, per questo, sono attese ripercussioni sull’inflazione.

27 Di Pietro esce dai Democratici. Il presidente della regione Lazio, Francesco Storace, scrive al ministro Bianco chiedendogli di non concedere l’autorizzazione per la manifestazione degli omosessuali “Gay pride”, che si dovrebbe svolgere per le strade di Roma proprio nell’anno del Giubileo.

28 Fiducia più ampia del previsto per Amato alla Camera: 319 voti favorevoli, 298 contrari, 5 astenuti.
Klm divorzia da Alitalia a causa delle “troppe incertezze su Malpensa”

Maggio

1 Il Giubileo dei lavoratori è celebrato con una santa messa per 100.000 persone a Tor Vergata al posto del tradizionale concerto del 1° maggio organizzato dai sindacati.

2 A Napoli, nove morti in sette giorni a causa dell’eroina.

3 Arrestata a Sassari la direttrice del carcere di S. Sebastiano, Maria Cristina Di Mauro, assieme a 82 guardie carcerarie, per presunti episodi di violenza nei confronti dei detenuti; l’associazione delle guardie penitenziarie minaccia di far dimettere in massa i propri aderenti nel caso in cui l’azione legale non venga interrotta.
Fiducia ottenuta anche al Senato dal governo Amato; tra le fila della maggioranza, accesa requisitoria di Di Pietro contro il premier, accusato di essere “l’erede di Craxi” .

4 L’ostruzionismo del Polo alla Camera blocca tutti i decreti governativi.
Il ministro della Giustizia, Piero Fassino, presenta in Parlamento un piano di investimenti e assunzioni per risolvere il “problema carceri”; si parla anche di amnistia per i reati meno gravi.
Secondo i dati Istat, fatturato e ordinativi dell’industria italiana non sono mai stati così in crescita da quasi dieci anni a questa parte.

6 Di Pietro è espulso dai Democratici.

9 Passa anche al Senato il decreto “pulisci liste”, ma solo con l’aiuto di An, e diventa operativo in vista dei referendum; Ppi, Sdi e Udeur escono dall’aula per cercare di far mancare il numero legale.
Assoluzione in appello per Berlusconi dall’accusa di aver versato tangenti alla Guardia di finanza; scatta invece la prescrizione per alcuni reati collegati.

11 Berlusconi afferma che non andrà a votare i referendum; D’Antoni approfitta del clima di campagna elettorale referendaria per dichiarare il suo no al referendum “anti-proporzionale” e per lanciare l’idea di formare un nuovo movimento di centro, alternativo ai due poli.

12 Grazie agli ottimi risultati nella riscossione dei tributi, si annuncia la possibilità per il governo di poter disporre di un “bonus fiscale” di 20.000 miliardi nella legge finanziaria.
Secondo le statistiche fornite dal governo, ogni anno sono un milione gli incidenti e 1.200 i morti sul lavoro.

15 La Confindustria chiede di votare sì ai referendum “sociali”.
Berlusconi pretende le dimissioni di Amato nel caso in cui ai referendum non venga raggiunto il quorum, essendosi parte della maggioranza (Ds e Democratici, in particolare) fortemente schierata a favore del quesito “anti-proporzionale”.
La borsa di Milano apre le contrattazioni anche in orario notturno, ma gli scambi sono pochi.

16 Arrestato l’impiegato delle Coop Alessandro Geri, che si professa innocente, perché sospettato di aver fatto parte della banda di terroristi che aveva assassinato Massimo D’Antona.
Rese pubbliche le motivazioni della sentenza di assoluzione di Andreotti: per i giudici non esiste evidenza di prove per nessuna delle accuse mosse dalla procura di Palermo al senatore a vita.

18 Il governo congela la carbon tax per cercare di arginare i prezzi della benzina.
Storace si rivolge anche ad Amato per chiedere di impedire la sfilata del “Gay pride”.

19 Brusco crollo della borsa: -4%.

21 La percentuale di votanti ai referendum è del 32,8%: il quorum non è raggiunto su nessuno dei quesiti. Il Polo chiede un governo tecnico; i centristi della maggioranza festeggiano; Amato afferma che la legge elettorale è da rivedere comunque, prendendo ad esempio il modello tedesco.

24 Imbarazzo per l’affermazione di Amato che definisce “inopportuno” il “Gay pride”; Storace lo ringrazia pubblicamente, mentre le comunità gay protestano a gran voce.
Scontri tra manifestanti e polizia all’entrata della mostra-convegno “Tebio” di Genova, nella quale si discute di cibi modificati e manipolazione genetica.
La Conferenza episcopale italiana chiede un provvedimento di amnistia nell’anno del Giubileo.

26 Gianni De Gennaro è il nuovo capo della polizia; sostituisce Ferdinando Masone.
Scarcerato Geri perché “il suo alibi regge”. Critiche dall’opposizione a Bianco, accusato di aver interferito con le indagini.

29 Dopo settimane di polemiche, Rutelli ritira il patrocinio del comune di Roma al “Gay pride”.
L’inflazione è in crescita: 2,5%.

31 Il governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio, nella sua relazione in occasione della pubblicazione dell’annuale rapporto sull’economia italiana, critica su molti fronti i governi di centro-sinistra; per la maggioranza, il governatore “ignora gli sforzi compiuti”; per l’opposizione è “bocciata la sinistra”.
Un appuntato dei carabinieri rivela che esisterebbero negli archivi dell’Arma ben 70.000 fascicoli riservati su cittadini e organizzazioni.

Giugno

2 Ancora polemiche sul “Gay pride”: comune di Roma, questura e organizzazioni omosessuali non riescono ad accordarsi sul percorso della sfilata.
Il ministro dell’Interno Bianco e il ministro della Difesa, Sergio Mattarella, in un comunicato congiunto, escludono che i dossier raccolti dai carabinieri siano illegali.

4 Grande successo della parata militare voluta da Ciampi per festeggiare la Repubblica; presenti migliaia di cittadini e tutti i leader politici, eccetto il segretario della Lega, Umberto Bossi.

5 Massiccia adesione dei medici allo sciopero proclamato per protestare contro il mancato via libera della Corte dei conti agli aumenti previsti nella riforma varata dal governo.
I magistrati si schierano contro il decreto legge sul rito abbreviato che consentirebbe ai boss mafiosi di evitare l’ergastolo.
Bassolino ha difficoltà a formare la giunta regionale della Campania a causa dell’assegnazione delle cariche assessorili, non ritenuta adeguatamente premiante per gli alleati di centro della maggioranza.

6 Il presidente della Camera, Luciano Violante, fa scattare il provvedimento che prevede multe per i deputati assenteisti.
La Corte dei conti dà il via libera agli aumenti dei medici.

7 Il provvedimento sulla fecondazione eterologa che, durante l’esame alla Camera, aveva causato malumori sia nella maggioranza che nell’opposizione, viene completamente ribaltato nel voto al Senato; Mancino rimanda il provvedimento in commissione, mentre piovono accuse reciproche tra i centristi della maggioranza e il Polo per l’accaduto.
Il centro-sinistra comincia a discutere sul leader che dovrà guidare la coalizione alle elezioni politiche del 2001.

8 Il garante dell’Autorità antitrust, Giuseppe Tesauro, condanna le compagnie petrolifere italiane a pagare 640 miliardi di multa per la presunta intesa che avrebbe causato l’eccessivo aumento del prezzo dei carburanti; l’associazione di categoria rigetta polemicamente le accuse.
Il presidente della regione Piemonte, Enzo Ghigo, del Polo, è eletto a capo della Conferenza dei presidenti delle regioni con voto unanime.

9 Amato minaccia di lasciare il governo nel caso non venga confermato come leader della coalizione per le politiche del 2001.

12 Un’indagine Cer-Cgil afferma che un quarto delle famiglie italiane riesce a mantenersi grazie alle pensioni percepite dagli anziani.
I rendimenti dei Bot statali tornano al 5% a causa dell’aumento dei tassi della Bce; preoccupazioni del governo per il deficit.

13 Ciampi, su richiesta del Pontefice, grazia il suo attentatore Alì Agca, il quale viene subito trasferito in un carcere turco. L’episodio mette in luce le divisioni nei partiti sull’opportunità di varare un decreto di amnistia; per FI sarebbero da inserire anche i reati di corruzione, per i Ds no.
Tredicesimo omicidio in tredici giorni per una faida di camorra a Napoli.

14 A Bologna, scontri tra manifestanti “anti-Ocse” e polizia durante il convegno mondiale organizzato per discutere delle Pmi.

16 Dopo che la maggioranza si è detta disposta a modificare la par condicio, il Polo dichiara di essere disposto a trattare sulla nuova legge elettorale prendendo ad esempio il modello tedesco.
Nominati i nuovi direttori del Tg1 e di Rai1: sono, rispettivamente, Gad Lerner e Maurizio Beretta; per l’opposizione si tratta di un “golpe pre-elettorale”.

20 L’Istat comunica che il Pil italiano sta crescendo ad una media del 3% annuo; Amato e Visco esprimono soddisfazione.
Dopo tre giorni di sciopero, che ha causato diversi disagi ai cittadini e danni alle imprese, raggiunto un accordo tra gli autotrasportatori e il ministro dei Trasporti Pierluigi Bersani che prevede un aumento degli stipendi.

23 Muore a 92 anni Enrico Cuccia.

24 Secondo le statistiche Ocse, l’Italia occupa una delle ultime posizioni tra i paesi sviluppati in termini di occupazione dei giovani: uno su tre non ha lavoro.
La benzina verde è di nuovo a 2.200 lire.

25 Protesta in tutte le carceri italiane da parte dei detenuti che chiedono a gran voce l’amnistia.

26 Convegno mondiale a Roma sulla pedofilia, problema sul quale, a seguito di alcuni casi denunciati alle autorità, si è recentemente riscontrata molta attenzione da parte dei cittadini italiani.
Ultima assemblea dell’Iri, che trasferirà le attività rimaste e le partecipazioni ancora in essere al ministero del Tesoro.

29 Muore a 77 anni Vittorio Gassman, attore molto popolare e animatore della scena culturale italiana.

30 Il Papa si appella ai governi di tutto il mondo perché riducano le pene per i detenuti in carcere; maggioranza e opposizione si scontrano ancora su quali tipologie di reati fare rientrare nell’eventuale amnistia.
Pubblicati i bilanci dei partiti italiani: in attivo sono solo Pdci, Prc, Democratici, Lista Pannella e Ccd; debiti per oltre 10 miliardi sia per FI che per i Ds.

Luglio

1 Violenti scontri nel carcere di Regina Cśli: 25 gli agenti di custodia feriti.

3 Desta scalpore un’intervista di Berlusconi che definisce “indegno” l’allenatore Dino Zoff dopo la sconfitta all’ultimo minuto della nazionale di calcio agli europei.
La procura militare archivia il “caso Pappalardo”, affermando che il documento prodotto dal capo del Cocer non aveva istigato i carabinieri a infrangere la legge.
Surplus di 19.000 miliardi nei conti statali grazie alle entrate fiscali e agli incassi per la vendita delle imprese controllate dall’Iri; il governo comunica che il deficit è stato dimezzato in 6 mesi.

4 Zoff, in polemica con Berlusconi, si dimette da allenatore della nazionale.

6 Sventato a Milano un attentato ad una sede della Cisl; le rivendicazioni sono del Nucleo armato rivoluzionario (Nar).

7 Dopo un’ultima settimana di polemiche rilanciate soprattutto dalle gerarchie ecclesiastiche, sfilano per il “Gay pride” 200.000 persone, tra cui molti leader della sinistra: Walter Veltroni, Emma Bonino, Oliviero Diliberto, Fausto Bertinotti.

8 Celebrato dal Papa a Regina Cśli il Giubileo dei carcerati; durante la cerimonia, Giovanni Paolo II pronuncia una decisa condanna nei confronti della sfilata degli omosessuali: è stata un “affronto al Giubileo”.

10 Secondo i dati della Banca d’Italia, la disoccupazione è al livello più basso dal 1994.
Il ministero dei Lavori pubblici rende noto che le città italiane sono, in Europa, quelle nelle quali la mortalità è più alta a causa degli incidenti stradali.

11 Quasi raggiunto il tetto dei 63.000 permessi previsti per tutto l’anno 2000 per gli immigrati intenzionati a stabilirsi in Italia; il ministro della Solidarietà sociale, Livia Turco, ritiene che le quote si possano ritoccare; il Polo è contrario.

12 In Sicilia, Vincenzo Leanza, dell’Udeur, diventa presidente della giunta regionale col sostegno dei partiti del Polo e di qualche consigliere di Ppi e Ri; Mastella minimizza l’accaduto, assicurando gli alleati che si tratta di un episodio che non mette in discussione la permanenza del suo partito nel centro-sinistra.

13 Da un rapporto Inail si evince che sono 1.200 ogni anno le vittime sul lavoro.
Nominati i liquidatori per lo storico quotidiano dell’ex Pci, “L’Unità”, che versa in gravi condizioni finanziarie.

14 L’Istat comunica che la produzione industriale ha registrato un +10% nel mese di maggio; soddisfazione del governo.
Piercamillo Davigo lascia il pool di Milano per andare a ricoprire l’incarico di consigliere in Corte d’appello.
Rinasce il Psi: si schiererà col Polo e sarà guidato da un “quadriumvirato”: Claudio Martelli, Gianni De Michelis, Stefania e Bobo Craxi.

15 Il governo, ancora preoccupato dell’innalzamento del costo del petrolio, proroga per la quinta volta il bonus di 50 lire sul prezzo dei carburanti.

19 Dopo due giorni di polemiche scatenate dai Verdi, che minacciavano di uscire dal governo, Veronesi ammorbidisce le sue posizioni a favore dell’introduzione e della diffusione del cibo transgenico.

22 Haider è costretto a lasciare frettolosamente Venezia, dov’era venuto a sostenere il turismo in Carinzia, a seguito della mobilitazione dei giovani dei centri sociali del Nord-Est.
Berlusconi confessa pubblicamente di essere riuscito a sconfiggere il cancro nel 1997.

23 Amato afferma di voler rimanere il candidato del centro-sinistra per le elezioni politiche.

24 Annegano in Puglia due finanzieri a seguito dello speronamento della loro imbarcazione da parte di scafisti albanesi impegnati a trasportare immigrati clandestini; Amato minaccia di togliere gli aiuti italiani se il governo albanese non interverrà.

27 Esce l’ultimo numero de “L’Unità”; i giornalisti occupano la redazione.
Camera e Senato danno il via libera al Dpef presentato dal governo per il 2001/2004.

29 Sit-in di protesta in tutte le carceri italiane per ottenere un indulto.

30 Amato, dopo l’ennesimo sbarco di clandestini, protesta ufficialmente con Albania, Turchia e Grecia, colpevoli di non vigilare a sufficienze sulle loro coste.

31 L’autorità Antitrust multa per 700 miliardi le compagnie assicurative italiane, colpevoli, secondo l’accusa, di aver costituito un cartello per poter alzare sensibilmente i prezzi delle assicurazioni Rc auto; proteste di Alfonso Desiata, presidente dell’Ania, l’associazione di categoria.
Secondo i dati Istat, la pressione fiscale in Italia è pari al 43,8% del Pil nazionale, mentre fatturato e ordinativi dell’industria crescono sensibilmente: rispettivamente +21,2% e + 16,9%.

Agosto

1 De Mauro difende il metodo del concorso per l’assunzione degli insegnanti, mentre l’inchiesta sui concorsi truccati prosegue.
Il presidente della commissione Antimafia Giuseppe Lumia, del centro-sinistra, afferma che l’uso delle armi contro gli scafisti è in alcuni casi consentito.
I giudici della Corte d’Assise di Perugia rendono note le motivazioni della sentenza di assoluzione di Andreotti: non ci sono prove sufficienti.

2 Amato, durante la cerimonia di commemorazione per la strage della stazione di Bologna, afferma che sono esistiti depistaggi per molte stragi di Stato.

5 Muore Edgardo Sogno, ex comandante partigiano anticomunista, medaglia d’oro al valore della Resistenza; viene proclamato il funerale di Stato.

7 La società Seat, legata a Telecom, acquisisce il 75% di Telemontecarlo da Vittorio Cecchi Gori; Mediaset ricorre all’Antitrust, mentre il Polo protesta definendo fuorilegge l’acquisizione.

9 “L’Osservatore romano” lamenta la mancata osservanza delle parole del Papa in merito all’indulto da concedere nell’anno giubilare; opinioni molto discordi dentro maggioranza e opposizione sui reati da includere.

10 A causa dell’aumento dell’inflazione, i Bot annuali superano la soglia, definita “psicologica”, del 5%.
Secondo la Confcommercio, il divario tra Nord e Sud in termini di disoccupazione va allargandosi: 22% al Sud, 6,7% al Nord.

11 Dini scrive privatamente al governo austriaco per chiedere di dissuadere Haider a programmare frequenti visite in Italia.
Di Pietro annuncia che costituirà una propria lista per partecipare alle elezioni politiche, lista alternativa sia al centro-destra che al centro-sinistra; appelli dall’Ulivo affinché non si rompa il fronte comune contro le opposizioni.

12 Il ministro degli Esteri austriaco, Benita Ferrero-Waldner, scrive a Dini, tranquillizzandolo sui saldi valori federalisti e non secessionisti che animano il governo austriaco.

14 Drammatica serie di incidenti durante il fine settimana di Ferragosto: sono 74 i morti.

16 Cominciano a Roma i preparativi finali per la “Giornata mondiale della gioventù”.
Haider accusa di scarso spirito democratico Dini.

18 Celebrata dal Colosseo a Tor Vergata la cerimonia della “Via crucis”: sono quasi un milione e mezzo i giovani che vi partecipano.
Continuano le polemiche nel centro-sinistra su quale candidato scegliere per le elezioni politiche imminenti: Amato e Rutelli sono in prima fila, Di Pietro si autocandida.

19 Successo oltre ogni aspettativa della “Giornata mondiale della gioventù”: oltre due milioni di giovani assistono alla veglia celebrata dal Papa a Tor Vergata.

20 Secondo caso in pochi giorni di omicidio di bambini ad opera di pedofili; sconcerto dell’opinione pubblica, mentre si parla di pubblicare le liste delle persone accusate di reati di pedofilia e di introdurre la “castrazione chimica”.

23 “Libero”, il quotidiano diretto da Vittorio Feltri, pubblica una lista di persone condannate per reati di pedofilia; reazioni indignate da parte dell’associazione giornalisti, della Chiesa, del centro-sinistra e del ministro Fassino.

24 Ancora discussioni nella maggioranza sulla migliore candidatura da opporre a Berlusconi.

25 Al meeting di Comunione e liberazione, a Rimini, Veronesi viene fischiato a seguito della presa di posizione in favore della sperimentazione scientifica sugli embrioni.
Secondo i dati Inail, sono 700.000 i nuovi occupati da marzo, soprattutto grazie all’emersione dal lavoro nero.

27 Nel contro-esodo estivo, muoiono 44 persone in incidenti automobilistici.

28 La Protezione civile comunica i dati provvisori dei danni ambientali causati dagli incendi: ben 65.000 gli ettari di vegetazione bruciati.

29 Al congresso mondiale di medicina che si tiene a Roma, il Papa si dichiara favorevole alla sperimentazione sugli embrioni, ma secondo regole ben precise dettate dal rispetto della vita possibile che ogni embrione rappresenta.

30 Vertice dell’Ulivo per preparare il programma elettorale delle elezioni politiche.

31 Rutelli annuncia ufficialmente che è pronto ad accettare la sfida contro Berlusconi alle prossime elezioni politiche; Amato afferma di non voler comunque rinunciare alla possibilità di essere il prossimo leader dell’Ulivo.

Settembre

4 Amato precisa che il bonus fiscale andrà, nelle intenzioni del governo, a favore delle famiglie; nei giorni precedenti, D’Amato aveva invocato un drastico taglio alle tasse per le aziende, mentre Cofferati aveva richiesto sgravi per le fasce operaie più deboli.

6 Ancora aumenti della benzina per il rialzo dei prezzi del petrolio e del dollaro.

7 Iniziativa del ministro Fassino per cercare di evitare la condanna a morte dell’italo-americano Derek Rocco Barnabei, accusato di omicidio; protestano anche molte associazioni cattoliche e i gruppi per il rispetto dei diritti umani; interviene persino il Papa chiedendo la grazia per il condannato.
La società di telecomunicazioni italiana Tiscali acquista l’olandese World on Line; il valore borsistico del nuovo colosso è di 25.000 miliardi.

8 Il fisco incrementa le sue entrate: +9,5% nei primi sette mesi dell’anno; il debito pubblico supera però i 2,5 milioni di miliardi.

10 Lo straripamento improvviso di un torrente causa 10 morti e 5 dispersi in un campeggio per disabili a Soverato, vicino a Catanzaro; il ministro Bianco chiede subito di individuare i responsabili, mentre il Polo lamenta ritardi nei soccorsi.

12 Si suicida Giuseppe Poggi Longostrevi, ex medico, uno dei nomi di spicco su cui il pool di Milano aveva indagato durante gli anni novanta.

13 Il cardinale di Bologna, Giacomo Biffi, desta scalpore proponendo che siano accettati in Italia esclusivamente gli immigrati di fede cattolica per salvare l’identità nazionale; plauso della Lega.

15 Formigoni, sostenuto dal Polo e dalla Lega, annuncia che indirà un referendum regionale per la devolution; la maggioranza afferma che non accetterà “il federalismo fai-da-te”; entusiasti invece i commenti dei presidenti di Veneto e Piemonte, che si dicono pronti a seguire il loro collega.

21 A Milano, nove arresti, tra cui il leader provinciale di Forza Italia, Massimo Guarischi, e due rinvii a giudizio ordinati dalla procura per episodi di corruzione.

24 537 profughi curdi sbarcano a Capo Rizzuto, in Sicilia, dopo essere riusciti a eludere la sorveglianza marittima; si tratta di uno degli sbarchi più consistenti dell’anno.

25 Amato annuncia ufficialmente di rinunciare alla candidatura a leader dell’Ulivo dopo diversi giorni di discussione tra i vari esponenti della maggioranza; tutto il centro-sinistra esprime un ringraziamento al presidente del Consiglio per il lavoro svolto e per la generosa scelta.

26 L’Istat comunica che la disoccupazione è al 10,1%.

27 Scandalo per il Tg1 e il Tg3 che mandano in onda immagini molto cruente di pedofili durante l’orario serale; Lerner fa le sue scuse in diretta, mentre il Polo critica l’operato della Rai.
Inizia, dopo vent’anni dalla sciagura, il processo a quattro generali italiani accusati di aver depistato le indagini sul caso Ustica.
La Pirelli vende la sua controllata Optical, specializzata nella componentistica di fibre ottiche, all’americana Corning, realizzando un incasso di 6.600 miliardi; volano in Borsa i titoli Pirelli.

28 Lerner annuncia di volersi dimettere dalla direzione del Tg1; il Cda della Rai respinge le sue dimissioni, mentre il Polo chiede che tutto il vertice dell’azienda se ne vada.

31 Amato e Visco commentano la finanziaria varata dal governo definendola “generosa” per le misure di riduzione delle imposte adottate per quasi tutte le categorie di cittadini.

Ottobre

1 Gad Lerner lascia la direzione del Tg1 con un polemico editoriale nel quale accusa Mario Landolfi, deputato di An, presidente della commissione di garanzia sulla Rai, di aver fatto pressioni su di lui per assumere alcuni giornalisti; il presidente della Rai, Roberto Zaccaria, si dice dispiaciuto dalla decisione, mentre Landolfi respinge ogni accusa.
La Borsa di Milano si conferma leader in Europa in termini rialzi del mercato dei titoli.

2 Dopo più di tre giorni di piogge ininterrotte e intense, nella provincia di Reggio Calabria sono più di 1.000 le persone evacuate dalle zone a rischio.

3 Il Cda della Rai nomina Albino Longhi come successore di Lerner; Polo e Ulivo concordano sulla scelta.

4 Al sesto giorno di sciopero totale che ha impedito ogni collegamento, gli autotrasportatori siciliani allentano parzialmente il blocco in vista di un incontro con Bersani; le rivendicazioni riguardano soprattutto gli sconti sui carburanti e sui pedaggi autostradali; ingenti i danni economici.

5 La Cassazione respinge la richiesta di revisione del processo Calabresi: Sofri, Bompressi e Pietrostefani sono dichiarati definitivamente colpevoli.

6 Cesare Romiti, durante il convegno dei giovani industriali a Capri, invita gli elettori a non votare per il centro-sinistra; reazioni seccate dai leader della maggioranza e dal governo.

8 Sospeso il blocco dei tir in Sicilia dopo quasi dieci giorni di disagi a seguito della firma di un nuovo contratto.

9 Corteo di 100.000 insegnanti a Roma per protestare contro la riforma della scuola di De Mauro; nel mirino sono gli scarsi aumenti salariali.

10 L’Enel, che già possiede la maggioranza di Wind, acquista Infostrada; l’operazione vale 25.000 miliardi; critiche dal Polo che parla di “statalizzazione”, mentre Amato difende l’operazione. Via libera anche all’accorpamento tra le due banche Intesa e Comit; in questo caso si parla di un affare da 640.000 miliardi.

11 Dopo la sconfitta della proposta italiana sui nuovi membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu, l’opposizione chiede le dimissioni di Dini.

12 Si dimette il segretario della Cisl D’Antoni che annuncia, contemporaneamente, di scendere in politica volendo costituire un nuovo partito di centro.

14 Dopo due giorni di pioggia, gravi disagi in Piemonte, dove sono più di 1.000 le persone evacuate, e in Valle d’Aosta, dove il capoluogo è isolato a causa di frane e straripamenti; giungono aiuti anche dalla vicina Francia.

16 Ancora problemi per il maltempo al Nord; si contano i primi morti e dispersi; 40.000 gli sfollati.
La rilevazione Istat di agosto conferma la crescita dell’economia italiana: +7,8%.

18 Nasce la Margherita, che riunisce i partiti di centro della maggioranza.
Trenta persone arrestate, tra personale docente e non docente, nell’ambito di un’inchiesta all’università di Messina per gli esami truccati.

Il cardinale Angelo Sodano chiarisce che esiste libertà di culto per tutti coloro che vivono in Italia, rispondendo alle affermazioni della Lega che voleva impedire la costruzione di una moschea a Lodi.

19 Parte l’asta per le frequenze dei cellulari di nuova generazione “umts”; il governo prevede incassi per 50.000 miliardi sull’esempio di quanto accaduto nelle altre aste tenute in Europa.

20 L’inflazione scende al 2,5%.
Uno dei concorrenti dell’asta “umts”, Blu, fa sospendere la gara; 23.250 i miliardi finora incassati.
Secondo le stime dei sindacati, in Italia vi sono 100 morti al mese sul lavoro.

22 Grande assemblea al Palavobis di Milano per la designazione ufficiale di Rutelli quale candidato dell’Ulivo; tutti i leader della maggioranza esprimono ottimismo in vista della competizione elettorale.

23 Blu si ritira dall’asta umts; il governo valuta se multare il concorrente per comportamento scorretto; il Polo ironizza sulle previsioni dell’esecutivo; la Borsa invece festeggia per la concessione delle licenze a basso costo; infine, la procura apre un’inchiesta sulla regolarità dell’asta.

25 La Ue chiede all’Italia di sbloccare le tariffe sulle rc auto perché contrarie alle norme comunitarie sulla libera concorrenza.
Il leader della Lega Bossi si dice contrario alla firma del trattato di Nizza sulla certa dei diritti europei, suscitando l’imbarazzo della Casa delle libertà.

27 Maxi retata contro i pedofili: 1.032 arresti e 831 rinvii a giudizio.
Benzina al massimo storico: la verde tocca le 2.205 lire.

Novembre

1 La giunta regionale della Sicilia approva un “maxicondono” per 170.000 case abusive; il ministro dell’Ambiente, Willer Bordon, definisce la scelta “incostituzionale”.
Il cardinale Camillo Ruini, criticato dal ministro Veronesi, invita i farmacisti cattolici a fare obiezione di coscienza e non vendere la “pillola del giorno dopo”.
Un dossier della Cgil afferma che sono oltre 400.000 in Italia i bambini vittime del lavoro minorile.

2 Don Fortunato Di Noto, il sacerdote che aveva aiutato la procura di Torre Annunziata in diverse inchieste contro la pedofilia, annuncia di voler chiudere il suo “Telefono arcobaleno” e di rinunciare ad ogni collaborazione con la giustizia in quanto sottoposto a continue minacce e pressioni.
Il giudice Rita Errico rimette in libertà alcuni clandestini sollevando un’eccezione di costituzionalità della legge sull’immigrazione.

3 Il Consiglio dei ministri boccia il progetto presentato dal presidente del Veneto, Giancarlo Galan, di un referendum consultivo per il trasferimento alla regione di funzioni statali quali sanità, istruzione, polizia locale e formazione professionale, che permetterebbe, inoltre, di ottenere particolari forme di autonomia, tra cui la “potestà legislativa generale” e la possibilità di devolvere allo Stato solo una parte dei tributi riscossi con le tasse.

4 Durante la celebrazione del Giubileo della politica, il Papa ribadisce le sue richieste per un’amnistia.
Suscita l’allarme del ministro Bianco il secondo caso di un giudice che, sollevando una questione di incostituzionalità della legge sugli immigrati, libera alcuni clandestini incarcerati e pronti per essere accompagnati alla frontiera.

6 Altri rilasci di clandestini per effetto dell’eccezione di costituzionalità della legge sull’immigrazione.

Veltroni viene indicato da alcuni organi di stampa come possibile successore di Rutelli alla carica di sindaco di Roma.

9 D’Amato interviene nel dibattito sulla riduzione dell’Irpeg, proponendo che il presidente del Consiglio usi come ricatto il potere di veto verso l’allargamento a Est della Ue nel caso in cui Commissione non desse il via libera alle norme già previste in finanziaria.
Il consiglio regionale del Lazio approva una mozione per istituire una commissione che esamini i libri di storia delle scuole, che non garantirebbero il necessario pluralismo culturale perché “troppo filo-marxisti”.

10 Tutto il centro-sinistra protesta per la proposta della giunta regionale di Storace sui libri di scuola; anche De Mauro e gran parte degli storici insorgono; la Lombardia pensa invece di prendere esempio, mentre solo An difende compatta il presidente della regione Lazio.

12 Berlusconi annuncia che, nel caso in cui perda le elezioni politiche del 2001, è pronto a ritirarsi dalla politica.

13 Si allarga l’allarme per la carne di “mucca pazza” importate dal Nord Europa e le scuole di alcune città vietano l’uso di carni rosse nelle loro mense.

14 La Corte costituzionale boccia la proposta di referendum “costituzionale” presentata dal Veneto.
Sospeso in tutte le città italiane il consumo di carni bovine nelle mense scolastiche.

15 Muore Edoardo Agnelli, figlio dell’avvocato Gianni; l’ipotesi più accreditata è il suicidio.

17 Riformulate le accuse del processo “Sme”: Berlusconi è di nuovo sotto accusa da parte dei pm di Milano.
Bloccate le importazioni di carne francese a causa del pericolo “mucca pazza”; la Francia chiede spiegazioni sul comportamento del governo italiano.

20 L’inflazione è al 2,7%.

21 La Commissione europea boccia la proposta di riduzione dell’Irpeg per le imprese del Sud Italia lanciata da D’Amato.
A causa del maltempo in gran parte del Centro e del Nord Italia, alcune centinaia di famiglie vengono evacuate da zone a rischio in Toscana, Lombardia, Veneto e Friuli-Venezia Giulia.

23 Giuseppe Gennaro, presidente dell’Associazione nazionale magistrati, dichiara che Berlusconi ha “un rispetto delle istituzioni così basso che non credo possa andare al governo”; tutto il Polo difende il suo leader e attacca le dichiarazioni del magistrato.

24 Amato afferma che intende sollevare un conflitto di attribuzione davanti alla Corte costituzionale contro la delibera della regione Lombardia in “materia di buoni scuola per le famiglie e gli studenti delle scuole private”; poi invoca anche maggiore serenità nei rapporti con la magistratura.

25 Tredici boss mafiosi escono di prigione per un vizio di forma nelle accuse.

27 Il presidente della regione Puglia, Raffaele Fitto, viene aggredito a calci e pugni da alcuni “lavoratori socialmente utili” disoccupati a cui non era stato prorogato il contratto.

28 Il ministro Veronesi apre alla liberalizzazione delle droghe leggere, bollando come “inutile” il proibizionismo; critiche soprattutto dal Ppi e da molte comunità di recupero.
La Camera approva a larghissima maggioranza (eccetto Rifondazione) la risoluzione che appoggia la Carta dei diritti europei che sarà in discussione al Consiglio europeo di dicembre, a Nizza.
Assolto dopo otto anni di udienze l’ex ministro dell’Interno della Dc, Antonio Gava, dall’accusa di associazione mafiosa.

Dicembre

1 Il ministro Veronesi si attira le critiche della Chiesa per aver sostenuto la necessità dell’uso del preservativo per proteggersi dall’Aids.
Il presidente della regione Puglia, Raffaele Fitto, restituisce al governo i finanziamenti già erogati per i “lavori socialmente utili”.

4 Berlusconi accusa “certi magistrati” di non difendere lo Stato, ma, al contrario, di cercare con le loro inchieste la pubblicità sui giornali.
Savino Pezzotta diventa il nuovo segretario della Cisl dopo le dimissioni di D’Antoni.

5 Mentre Ciampi chiede di “far muro contro i clandestini”, i senatori a vita della Repubblica si appellano a lui perché conceda un indulto in occasione del Giubileo.

6 Ciampi risponde ai senatori a vita in merito all’indulto, chiarendo che l’organo deputato a questa decisione è il Parlamento.
Tiscali chiude con successo l’opa lanciata sull’olandese World online, conquistando il quarto posto in Europa nel mercato degli accessi ad internet.

7 Quasi nove insegnanti su dieci partecipano allo sciopero nazionale indetto dai sindacati confederali e da quelli autonomi per l’adeguamento degli stipendi di categoria alle medie europee.
Alla Scala di Milano, l’assessore alla cultura della giunta regionale, il leghista Ettore Albertoni, rifiuta di presenziare alla “prima” per polemizzare con gli esponenti del governo presenti in merito alle censure sul provvedimento di distribuzione dei buoni-scuola.

8 L’Inps annuncia di aver aumentato il suo disavanzo soprattutto a causa delle accresciute richieste di pensioni d’anzianità (+ 172%).

10 Nell’annuale classifica del “Sole 24-ore” sulla qualità della vita nelle città italiane, Bologna risulta essere la prima, mentre in fondo alla classifica risultano in gran parte città del Sud.

12 Arrestato dopo una rapina l’ex detenuto per reati di terrorismo, Giorgio Panizzari, oggetto di un provvedimento di grazia da parte dell’ex presidente Scalfaro.

13 Arrestata l’assessore ai Lavori pubblici della giunta della Lombardia, Milena Bertani, con l’accusa di corruzione.

14 Manifestazioni in tutte le regioni italiane della Coldiretti, secondo la quale almeno un milione di agricoltori hanno sfilato per tutte le strade e piazze d’Italia.

16 Scontri tra polizia e militanti di sinistra nel centro di Roma per l’arrivo di Haider, in visita dal Papa.

17 Forte aumento degli acquisti per i regali natalizi: si parla di percentuali oscillanti tra il 15% e il 30%.

18 Scoperta, prima che esploda, una bomba tra le guglie del Duomo di Milano.

19 L’ex terrorista Panizzari viene accusato di aver guidato il furgone del commando delle Brigate rosse che uccise Massimo D’Antona.
Una lettera al “Messaggero” di Roma rivendica il fallito attentato al Duomo di Milano a nome di un’organizzazione di anarchici-insurrezionalisti.
Il giornalista Bruno Vespa viene aspramente criticato dal presidente della Rai, Zaccaria, e da tutti i principali esponenti dell’Ulivo per il comportamento poco equanime mantenuto nei confronti di Berlusconi nel corso della trasmissione “Porta a porta”.
Fine anno travagliato per i titoli tecnologici italiani: tutti in forte perdita, in particolare Tiscali.

20 L’inflazione è al 2,8% e la crescita del Pil rallenta rispetto alle previsioni d’inizio anno.

21 Mattarella risponde alla Camera alle interrogazioni sulle morti per leucemia di militari italiani impegnati in azioni di pace in Bosnia; si sospetta un’avvenuta contaminazione di uranio impoverito utilizzato nei proiettili delle truppe Nato.
L’Eni lancia un’opa “amichevole” sulla società petrolifera inglese Lasmo; è una delle più grandi operazioni finanziarie italiane dell’anno sul mercato europeo.

22 L’estremista di destra, Andrea Insabato, rimane ferito dalla bomba che aveva collocato nella redazione del quotidiano di sinistra “Il Manifesto”; non ci sono vittime; ferma condanna da parte di tutte le forze politiche; si ipotizza la recrudescenza di fenomeni terroristici.
Il cardinale di Napoli, Michele Giordano, viene assolto con formula piena dall’accusa di usura dopo un’indagine durata molti mesi; il Vaticano esprime soddisfazione.

27 Dopo circa tre giorni di disagi per i viaggiatori e l’annullamento di 347 voli a causa del maltempo, l’aeroporto di Malpensa riprende a funzionare normalmente; Giorgio Fossa, presidente della Sea, società che gestisce l’aeroporto, difende la scelta di far rimanere aperto lo scalo, mentre piovono critiche da parte del ministro Bersani e del presidente regionale Formigoni.
Il bilancio dopo cinque giorni di spostamenti per le festività natalizie è di 80 morti e più di 1.000 feriti.

28 Albertini, il sindaco di Milano, comune azionista di maggioranza della Sea, respinge le dimissioni presentate da Fossa.

29 Scoperte due microspie nell’ufficio dell’assessore alle opere pubbliche della giunta regionale lombarda.